La riscoperta della scienza psichedelica

The following has not yet been verified. Please improve it by logging in and editing it. If you believe that is not sufficient to solve the problem, please discuss it with the community on the Talk Page. If you think that this article should be removed, please contact [email protected]

Centinaia di milioni di persone nel mondo, alle prese ogni giorno con gli effetti debilitanti delle malattie mentali, potrebbero avere accesso quanto prima – nel  2021 secondo la non-profit statunitense Maps (Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies) – a una serie di trattamenti psichiatrici in grado, secondo gli stessi medici, di migliorarne le condizioni di vita in maniera significativa.  Si tratta di cure basate su sostanze il cui valore terapeutico è scomparso dalla cultura popolare per via del proibizionismo imposto a inizio anni ’70 in Usa e poi nel resto del mondo: le droghe psichedeliche.

Oggi siamo di fronte a quello che il Nyt Magazine, insieme ad altre fonti internazionali definiscono, a ragione, il “rinascimento psichedelico“. Gli psichedelici, e in particolare l’Lsd,  balzarono all’occhio dell’opinione pubblica negli anni 1960-70 a seguito del ruolo centrale assunto nella controcultura giovanile. Con il Controlled Substance Act voluto da Richard Nixon nel 1971, psilocibina, LSD e altri allucinogeni furono inseriti nella classificazione più restrittiva, la Tabella I (nessun valore terapeutico, forte rischio d’abuso, pene draconiane per l’uso ricreativo), e quindi messi fuorilegge anche per la ricerca scientifica, nonostante le prove scientifiche di segno opposto. A metà anni 1980 anche l’Mdma (Ecstasy), diffusosi rapidamente nei rave party di mezzo mondo, venne incluso nella medesima norme restrittive.

Nuove speranze

Tuttavia fin dai primi anni ’90 un nutrito gruppo di ricercatori, esperti e attivisti per la riforma delle politiche sulle droghe iniziarono a collaborare in varie istituzioni – non soltanto in Usa e Regno Unito, ma anche in Brasile e Olanda – per riavviare le indagini scientifiche sulle potenziali applicazioni terapeutiche degli psichedelici.  Secondo costoro, sostanze come psilocibina (l’ingrediente psicoattivo dei  “funghetti magici”), Lsd, Mdma e chetamina – se assunti sotto stretto controllo medico e comunque soggetti a ulteriori test clinici  – potrebbero rivoluzionare il nostro modo di comprendere e affrontare la salute mentale.  Mentre la depressione è divenuta la causa primaria della disabilità mentale (dati OMS), con i comuni farmaci che si rivelano inutili per terzo dei malati, gli psichedelici sembrano rivelarsi un’imprevista fonte di speranza,

«È incredibilmente eccitante poter offre un paradigma di nuovo tipo per la psichiatria e per il trattamento di quelle malattie mentali che stanno diventando una vera e propria epidemia nel mondo occidentale», sostiene Amanda Feilding, fondatrice e direttrice del centro di ricerca londinese Beckley Foundation.

Fin dagli anni ’70 Feilding, oggi 75enne, ha seguito in prima persona gli studi sugli psichedelici (Wired) e collabora con le maggiori università britanniche e internazionali nella ricerca delle applicazioni mediche degli allucinogeni. Pur nell’ottimismo per il crescente interesse in questo campo,  Fielding ha rimarcato a WikiTribune che rimane ancora molto da fare.

I ricercatori da una parte all’altra dell’oceano appaiono comunque ottimisti. Seguendo parametri medici oramai  comprovati (NYT Magazine), i primi risultati scientificamente promettenti delle loro ricerche paiono confermare il valore terapeutico di incorporare le sostanze psichedeliche illegali nel trattamento psichiatrico di svariati disturbi mentali  – spingendo altresì per ulteriori ricerche.

Un’epidemia globale di malattie mentali

Oggi i disturbi mentali sono assai diffusi, provocano sofferenze lungo termine e costano ai governi dei Paesi sviluppati miliardi dollari l’anno. In Inghilterra, nel 2014 un adulto su sei rivelava i sintomi di un disturbo mentale – per le donne, si scendeva a una su cinque (NHS Digital). Negli Stati Uniti, la cifra è leggermente più elevata, con circa 44 milioni di persone affette da qualche tipo di problemi mentali ogni anno, secondo la National Alliance on Mental Illness.

Da decenni le cure psichiatriche per malattie comuni ma devastanti come la depressione non sono affatto migliorate: i farmaci di maggior uso restano gli antidepressivi SSRI messi a punto sul finire degli anni ’80 (NYT Magazine). Nel marzo 2017, l’Organizzazzione Mondiale della Sanità ha dichiarato che oltre 300 milioni di persone soffrono di depressione e questa è la causa primaria della disabilità a livello globale, con una crescita pari quasi al 20 per cento dal 2005 al 2015.

Gli psicofarmaci restano i farmaci prescritti comunemente per la depressione moderata e severa. Pur se moderatamente efficaci (The Lancet), provocano fastidiosi effetti collaterali e non funzionano affatto per circa un terzo dei pazienti (NCBI), soggetti a quella che viene definita depressione resistente ai farmaci. Considerati inoltre i tempi d’attesa spesso lunghi per la avere accesso ai servizi pubblici, molti pazienti non possono permettersi le spese per la psicoterapia in studi privati (The Independent).

«Siamo davanti alla tempesta quasi perfetta», spiega a WikiTribune Robin Carhart-Harris, responsabile dell’unità per la ricerca psichedelica presso l’Imperial College di Londra. «Da una parte c’è questo problema cruciale che la medicina moderna non è grado di risolvere, e dall’altra abbiamo un trattamento innovativo… in fondo si tratta di prendere il meglio di tutti e due i mondi, assumere un farmaco e usare la terapia, integrandoli in modo particolare». 

Cresce l’interesse per gli allucinogeni

Ciò contribuisce a spiegare perché le agenzie governative sulle droghe in Usa ed Europa stanno mostrando un serio interesse per le sostanze psichedeliche.Corroborando i risultati delle ricerche condotte negli anni ’50 e ’60, recenti test clinici sull’uso della psilocibina per persone affette da depressione cronica si sono rivelati promettenti.  nell’ottobre del 2017, il gruppo di Carhart-Harris all’Imperial College, in collaborazione con la Beckley Foundation, ha pubblicato i risultati di un primo test in quest’ambito, mentre nei prossimi mesi  sono previsti du ulteriori test clinici.

«We have shown for the first time clear changes in brain activity in depressed people treated with psilocybin after failing to respond to conventional treatments,” Carhart-Harris said at the time (Imperial). “Several of our patients described feeling ‘reset’ after the treatment… Psilocybin may be giving these individuals the temporary ‘kick start’ they need to break out of their depressive states”.

Psilocybin trials for depression are also under way in the U.S., while, separately, British start-up Compass Pathways with $13 million (NYT Magazine) in funding is planning to start a psilocybin experiment this year. It will be held in eight European countries, for a total of 400 people with treatment-resistant depression ( Financial Times, may be behind paywall).

Intanto in Usa, a inizio anno è partita la terza fase dei testi clinici per il trattamento del disturbo post traumatico da stress (Dpts), condizione di cui nel 2017 erano affetti quasi 12 milioni di americani (National Institute of Mental Health). Secondo certi ricercatori statunitensi, anche la chetamina sarebbe efficace nel trattamento della depressione cronica a breve termine. Alcune cliniche private in Usa (Business Insider) e nel Regno Unito hanno iniziato a prescriverla per trattare l’ansia e la depressione.

The challenges

Scientists still face two main challenges. The first is raising funds to conduct costly clinical trials. These costs are usually borne by big pharmaceutical companies, who invest tens of millions of dollars in research in the hopes of developing new medicines for a profitable return. But because the licenses for psychedelics like LSD expired long ago – while others like psilocybin are found in naturally occurring magic mushrooms – the lack of exclusivity means there is little commercial incentive to bet on these drugs (NYT Magazine).

‘The biggest impact the ‘war on drugs’ has had has been the stigmatizing of these substances’ – Natalie Ginsberg

Many researchers also benefit from publicly-funded grants. But these are hard to come by for researchers studying psychedelics, according to Feilding and other researchers WikiTribune interviewed.

“We won money from the Medical Research Council for a [psilocybin] trial,” Carhart-Harris told WikiTribune. “That was quite unprecedented, as well, because in the U.S. there hasn’t been any mainstream funding for psychedelic research.” MAPS, the organization conducting the Phase 3 trials with MDMA as a potential therapy for PTSD, gets most of its funding from private investors, including over a million dollars from the cryptocurrency community (see WikiTribune’s cryptocurrency coverage).

The second, related challenge facing scientists in this field is that the majority of psychedelics remain classified under international law as Schedule I substances with no accepted medicinal value and a high potential for abuse. Although the international regulatory framework doesn’t technically forbid their research, scientists and drug policy reform advocates say it perpetuates an anti-psychedelics stigma that followed the counter-cultural revolution of the late 1960s.

“The biggest impact the ‘war on drugs’ has had has been the stigmatizing of these substances and moving us all away from any evidence-based assessments of drugs,” said Natalie Ginsberg, policy and advocacy director at the non-profit Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies (MAPS).

Ginsberg told WikiTribune: “I think that has had a major chilling effect and it has made so many otherwise brilliant doctors and researchers, who do otherwise trust science, completely dismiss and shut down any possibilities that these substances could be a treatment [for mental health disorders].”

From mind benders to mind menders

From the mid-1970s until the 1990s, legal research into the potential medical applications for psychedelics was “virtually impossible,” said Feilding. The moral panic that followed the counter-cultural revolution of the late 1960s in the Western world made it extremely difficult to discuss psychedelics for serious health uses.

“It’s really in the last two or three years that the big change has happened. Suddenly, psychedelics are beginning to be recognized as potentially very valuable tools by scientists and by an educated proportion of the public,” said Feilding.

As mental health is ever more an issue across the globe, psychedelics provide solid hope, their supporters argue. But the field is developing, without absolute certainties. Philip Gerrans, an Australian academic who has studied neuroscience through philosophy, told WikiTribune: “Neuroscienze is probably not even where Galileo e Copernico were with astronomy.”

  • TODO tags

      Is there a problem with this article? [Join] today to let people know and help build the news.
      • Share
        Share

      Subscribe to our newsletter

      Be the first to collaborate on our developing articles

      WikiTribune Open menu Close Search Like Back Next Open menu Close menu Play video RSS Feed Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Follow us on Instagram Follow us on Youtube Connect with us on Linkedin Connect with us on Discord Email us